Blog

Il tempo dedicato alla pianificazione

No comments

Il tempo passa per tutti, ma non ugualmente per tutti.

 

Perché dico questo? Perché il tempo che passa, ma pieno, è ben diverso del tempo che passa, ma sprecato. La grande differenza è sul risultato: lasciare qualcosa o meno. Lasciare questo mondo pieno di esperienze o solo con un mucchio di cose inutili con cui hai riempito la tua vita.

Quando parlo di pianificazione spesso sento dire: ma come faccio? Non ho tempo per tutte queste cose tra agenda e tool…

Devi capire che la pianificazione è un investimento! E come ogni investimento da i frutti nel tempo. Ogni mezz’ora di planning può regalarti 2 ore al giorno. Quindi spendendo alcuni giorni per la pianificazione annuale, poi di seguito dedicando 10 minuti al giorno a questa attività non fa altro che aiutarti a ridurre il tempo sprecato.

Il tempo è uguale per tutti, ma siamo noi il pilota che può decidere con cosa riempirlo.

La teoria di Pareto torna anche questa volta: ci dice infatti che dell’80% che facciamo solo il 20% si trasforma in risultati, mentre il 20% di poche attività ci rende l’80% dei risultati. Queste  ultime sono distribuite quotidianamente dentro le nostre abitudini e nel bisogno di stare nella zona comfort, facendo cose a cui siamo più abituati.

L’organizzazione è da sempre la mia passione, sono cresciuta tra taccuini e agendine, e ho avuto la fortuna di avere una maestra che mi ha insegnato come pianificare la gestione dei compiti. Mi ha insegnato Lei le 3 regole fondamentali: priorità, pianificazione e verifica, con il concetto base dell’iniziare dal compito più difficile.

Sono quasi sicura che lei all’epoca non conoscesse né Stephen Covey Brian Tracy, eppure ci ha spiegato inconsapevolmente e in modo molto semplice e comprensibile la matrice di Eisenhower o Covey e la teoria Eat the frog di Tracy.

Sono stata sempre molto attratta dalla pianificazione e dall’organizzazione. Infatti il mio metodo e il mio quaderno a spirale mi hanno salvato la vita (lavorativamente parlando) quando in poco tempo mi sono ritrovata, come assistente personale, a gestire le 3 segreterie direzionali più grandi della Ferrari, sostituendo in pratica 3 colleghe.

Ho sempre visto tante difficoltà nell’ambiente di lavoro , indipendentemente che si trattasse di aziende molto conosciute o di liberi professionisti. Il problema nasce dalle persone. La maggior parte delle persone, nonostante le loro competenze importanti, non ha mai studiato e neanche considerato i metodi della gestione del tempo e della pianificazione.

La persona che non sa gestire il proprio tempo, non saprà gestire nemmeno il tempo dell’azienda. Mettendo insieme tante persone con questa lacuna non può non nascere che il caos costante che poi accompagna la vita di quasi tutti i dipendenti, manager e direttori.

Qualche tempo fa ho realizzato che il problema più diffuso nella vita lavorativa, dai freelancer ai direttori, oltre proprio alla gestione del tempo è la mancanza di metodo. Vedo che le persone hanno bisogno come il pane di costruirsi un proprio metodo.

 

Col tempo ho anche realizzato di essermi creata un mio metodo, che mette insieme la pianificazione tradizionale e le tecnologie dei nostri giorni.

 

Viviamo in un momento molto complesso, dove la capacità di capire quando concentrarsi e su cosa sta diventando vitale per la sopravvivenza.

Proprio per le difficoltà che vedo tutti i giorni lavorando quotidianamente o ricordando i passati momenti dove la gestione del tempo era totalmente lasciata al caso mi sento di dover dare il mio contributo per aiutare chi si sente perso tra gli impegni lavorativi senza vedere una fine all’accavallarsi caotico degli appuntamenti e delle attività.

Per aiutare a far aprire gli occhi a molti su quanto sia importante la questione del tempo male organizzato ho deciso di mettere insieme tutte le teorie e le pratiche che ho imparato e studiato, durante questi anni, per poter gestire il mio tempo.

Infatti credo che sia comune ritenere scontato affrontare la giornata lavorativa e anche la vita privata senza programmare minimamente ma con una semplice gestione a vista delle attività.

Il mio metodo che non è altro che una sintesi di altri metodi efficaci può dimostrare come si può guadagnare tempo e qualità della vita con un minimo impegno e costanza, rendendo alcune le buone pratiche di pianificazione nostre abitudini.

 

Quindi rimanete in contatto con Kryva e seguite le prossime novità sul mio sito e sui canali social!

 

 

 

 

Krisztina FekecsIl tempo dedicato alla pianificazione

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.