Smart Working-Smart Office

 In Smart working

Definizione di Smart Working

Uno Smart Office è un “non luogo” dove un lavoratore da remoto svolge le attività, a lui delegate da un datore di lavoro. Perciò il collegamento allo Smart Working è, come è facile pensare, direttamente connesso.

Per definire che cos’è lo Smart Working ci facciamo aiutare dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali : Il Lavoro Agile (o Smart Working) è una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato caratterizzato dall’assenza di vincoli orari o spaziali un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi, stabilita mediante accordo tra dipendente e datore di lavoro; una modalità che aiuta il lavoratore a conciliare i tempi di vita e lavoro e, al contempo, favorire la crescita della sua produttività.

La definizione di smart working, contenuta nella Legge n. 81/2017, pone l’accento sulla flessibilità organizzativa, sulla volontarietà delle parti che sottoscrivono l’accordo individuale e sull’utilizzo di strumentazioni che consentano di lavorare da remoto (come ad esempio: pc portatili, tablet e smartphone).

Direi che quanto descritto ci aiuta a capire i punti nevralgici di questo tipo di attività e a cogliere gli spunti che ci offre per uno Smart Office.

 

Perché creare uno Smart Office

Proprio partendo dal presupposto contenuto nella definizione del ministero, cioè quello di aiuto al lavoratore a conciliare i tempi di vita e lavoro, favorendone nel contempo la produttività, si può già avere la risposta al perché del sottotitolo.

Se si parla sempre di modernità, di futuro migliore grazie alla tecnologia, perché non lo si deve pretendere nel nostro presente, dove sia possibile applicarlo, nel miglioramento della nostra vita lavorativa e non?

Abbiamo hardware e software che ci permettono di poter lavorare da qualsiasi posto, server per organizzare database efficienti dove ognuno può aggiornare il proprio file o documento, sistemi di comunicazione che ci permettono di essere sempre connessi e informati. Perché non dovremmo sfruttare tutto questo ora?!

Certo, dipende dal tipo di lavoro. Ma quante attività ci obbligano a stare dentro uno spazio chiuso insieme ad altri con cui neanche abbiamo un costante interscambio di dati e informazioni, e nemmeno un minimo rapporto umano?

Chi lavora presso un’azienda o ufficio strutturato deve sottostare alle regole di quell’ambiente, ma chi invece è dentro una piccola struttura o dotato di semplice partita IVA può avvalersi di questa modalità.

La snellezza che contraddistingue lo Smart Working (assenza di vincoli orari o spaziali) in termini di struttura deve essere accompagnata da un‘organizzazione e pianificazione (un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi), per non sfociare in una confusione tra vita privata e lavoro che non farebbe altro che scoraggiare chi appena inizia a provarlo.

Ma qui si tratta del livello di impegno che ogni nostra azione deve avere se da questa ne vogliamo far scaturire dei risultati. Se il solo obiettivo è quello di lavorare da casa e non altro, allora è meglio rimanere nel tipico ufficio tradizionale.

L’obiettivo è invece quello descritto nella definizione del ministero, come già scritto, cioè maggiore conciliazione tra vita privata e lavoro e maggiore produttività.

 

Local independent

La prima efficienza è sicuramente quella di avere una struttura snella, composta solo dall’equipaggiamento hardware e il collegamento a internet. Il posto dove ci troviamo diventa secondario.

La prima grande rivoluzione dello Smart Working è proprio questa, dato che il mondo del lavoro tradizionale è forse, per prima cosa, definito dall’ambiente in cui si lavora.

Si può lavorare a casa, in un co-working, in trasferta o andare nella sede del proprio datore di lavoro quando serve. Aumentando in questo modo anche il proprio bagaglio di conoscenze e quindi la possibilità di lavorare in un contesto più dinamico e innovativo.

Poi c’è la flessibilità dell’orario che uno smart worker deve sapersi dare. Non si deve trattare di libertà inefficace ma di rigorosa gestione del proprio tempo. Da questo ne deriveranno solo benefici personali e lavorativi.

 

Boss independent

Il secondo aspetto rivoluzionario è dato dalla indipendenza che si ha lavorando da remoto. La presenza di procedure chiare e di obiettivi ancor più limpidi insieme alla responsabilità personale rende liberi dall’avere per forza un responsabile alle calcagne che ti controlla o da istruzioni giorno per giorno.

Se con il datore di lavoro si è condiviso la procedura operativa, le fasi, i cicli e gli obiettivi, allora non rimane altro che la nostra competenza e responsabilità nell’affrontare i compiti assegnati.

 

Abbassare le spesse fisse

Chiaramente i costi si abbassano notevolmente se si può operare da qualsiasi posto, che sia la casa, lo spazio co-working, la biblioteca o quant’altro.

La spesa costante sarà quella del primo acquisto dell’hardware e del collegamento wi-fi, ma il risparmio lo si ottiene anche coll’uso di app e software di gestione che oramai si trovano gratuitamente. Inutile ricordarvi Trello o Asana e tutti gli altri applicativi di cui vi ho scritto nei miei articoli.

Chiaramente il vantaggio maggiore sulla riduzione dei costi del lavoro è innegabilmente per il datore di lavoro, dagli spazi di lavoro all’hardware e software utilizzati. Ma questo diventa altrettanto vantaggioso per lo smart worker che così ha più potere di attirare l’attenzione su di se nel mercato delle professioni.

 

Aumentare la produttività

Se si lavora per fasi, cicli e obiettivi chiari allora la puntualità delle nostre azioni, per svolgere i compiti ricevuti dal datore di lavoro, sarà maggiore come lo sarà per chi ci da le istruzioni sulle attività da svolgere, sapendo che, facendo lavorare per obiettivi, la motivazione per l’addetto sarà quella di raggiungerli nel più breve tempo possibile e con la maggiore efficacia possibile.

 

Dare più libertà ai collaboratori

Come scritto prima, la responsabilità dello smart worker deve essere proverbiale se si vuol mantenere questa indipendenza e al tempo stesso avere efficienza nello svolgere le attività.

Ma il tutto viene ripagato dall’avere più libertà dai datori di lavoro o committenti che siano, che si affidano a professionisti con le competenze giuste per quel compito esatto e, dotati di fiducia negli altri, non devono seguire passo passo ogni azione del delegato.

Se si ha un buon rapporto con il cliente o il datore di lavoro, se si lavora quando si è fissato nella propria agenda, ma nell’arco dell’intera giornata e non secondo orari prefissati da altri, se ci si può muovere liberamente a seconda delle necessità senza essere obbligati a restare chiusi in un ufficio, allora si sarà anche più produttivi. E lo sarà il team di collaboratori e l’organizzazione complessiva di lavoro.

 

Work life balance

Ripartiamo come abbiamo fatto in tutto l’articolo dalla definzione legislativa e da questa frase per l’esattezza: “una modalità che aiuta il lavoratore a conciliare i tempi di vita e lavoro”

Questa forse da il significato più profondo allo smart working. La conciliziazione tra vita privata e lavoro contro l’alienazione dalla propria sfera privata che il lavoro stesso di solito causa.

Se di rivoluzione si tratta, questa però deve portare a un miglioramento e non solo a uno stravolgimento delle proprie abitudini.

Questa evoluzione deve far gestire lavoro e propria vita privata in armonia e secondo orari più consoni e flessibili, senza l’assillo del timbrare il cartellino e del rispetto canonico delle minime otto ore giornaliere.

Pensiamo, poi, solo ai problemi pratici tipo il traffico per strada, sia all’entrata che all’uscita da lavoro o al tempo sprecato in momenti di mole di lavoro minore come capita spesso in molti uffici aziendali.

 

I principi della nuova modalità:

Leadership

La pratica della leadership in questo contesto si tramuta in un’opera di responsabilizzazione dei collaboratori con meno controllo su di loro, dato che verrano giudicati sulla base del raggiungimento degli obiettivi prefissati collegialmente.

Responsabilizzazione e motivazione

Di pari passo a quanto scritto sopra il collaboratore si sente più responsabilizzato ma al tempo stesso più motivato, perché è stato scelto per un compito sulla base della sua competenza e ha avuto una chiara istruzione su quello che deve svolgere.

Chi accetta qualsiasi attività da remoto, di per sé, assume un ruolo di responsabilità che deve interpretare fino in fondo, perché l’unica cosa che conta sarà la consegna del progetto o documento richiesto dal datore di lavoro, attraverso la procedura delle fasi di lavoro.

In questo modo al centro dell’organizzazione c’è la persona, dove gli obiettivi personali e professionali coincidono con quelli aziendali, fornendo una maggiore soddisfazione personale e anche una maggiore produttività aziendale.

la responsabilità del lavoratore aumenta, non diminuisce, essendo consapevole in maniera responsabile della propria attività e quindi più mirato sugli obiettivi senza perdite di tempo tipiche dell’ufficio tradizionale.

In più il lavoro di team è garantito da software di gestione oramai consolidati e dai nuovi sistemi di comunicazione. Per di più l’autonomia è maggiore nella definizione della propria agenda e della tempistica di svolgimento delle attività.

Il risultato dello Smart Working deve essere il maggiore coinvolgimento del lavoratore e quindi la maggiore motivazione sugli obiettivi aziendali. Lavoratore da remoto non vuol dire dare ogni tanto qualche compito e poi aspettare il risultato ma un continuo confronto e una condivisione di informazioni.

Lo so, questo è difficile anche in un normale ufficio ma in questo caso deve esser d’obbligo perché altrimenti la collaborazione fallisce sul nascere.

Potrebbero interessarti anche...

Commenta l'articolo

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Start typing and press Enter to search

Condivisione posta