Lavorare tra le “Rosse”

 In Esperienza Ferrari

 

I tanti anni di permanenza presso Ferrari Auto, un azienda che non ha bisogno di presentazioni, mi inducono a testimoniare alcune esperienze che ho fatto, che possono servire per riflettere su alcuni aspetti del mondo del lavoro.

Con questo primo post inizio scrivendo del ampio raggio di azione lavorativo che in una struttura come quella di Ferrari, nella gestione granturismo (auto stradali) , viene dato pressoché a quasi tutte le figure professionali e operative.

Fin dall’inizio, indipendentemente dal ruolo, dato il numero relativo di risorse umane e comunque una struttura del personale non così verticistica affidano a ogni attività un livello di gestione più alto ed eclettico rispetto ad altri ambienti.

La responsabilità di far “marciare” le cose piomba su molti degli impiegati, anche assunti da poco, che hanno di fronte a se un ampio spazio operativo in cui possono operare con libertà sempre compatibilmente con la direzione sotto cui lavorano.

Questo chiaramente può anche generare degli shock, soprattutto a chi è od era abituato a organizzazioni ferree in cui ognuno fa solo il proprio compitino oppure non è dotato di capacità di adattamento all’immediata responsabilità di dover agire e decidere.

Ma altresì offre a molti la possibilità di cimentarsi in questo raggio di azione più ampio che li aiuterà poi dopo , nelle successive esperienze lavorative ad affrontare situazioni di stress o che sul momento sembrano insuperabili.
La flessibilità e l’eclettismo in qualche modo sono caratteristiche che affiancano le altre doti professionali di molti dei dipendenti Ferrari.

Si potrebbero far molti esempi ma forse è più corretto citare alcune direttive formative degli anni recenti che avevano l’obiettivo di far imparare competenze come la Scuola dei Mestieri o quello di far cambiare “mestiere” all’interno dell’azienda, facendo comprendere come la capacità di adattamento insieme alla competenza siano fondamentali per lavorare dove si costruiscono i “bolidi” più famosi nel mondo e forse dovunque.
Credo che chi ha lavorato o lavora in Ferrari possa riconoscersi in questa caratteristica peculiare dell’azienda.

Chi invece non vi ha lavorato potrà trarre delle riflessioni sul fatto che in molti ambiti si può e si dovrebbe far lavorare i propri dipendenti o collaboratori con più margine operativo e decisionale, anche a costo di qualche errore ma soprattutto col vantaggio poi di ottenere lavoratori efficienti e responsabili.

Potrebbero interessarti anche...

Commenta l'articolo

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Start typing and press Enter to search

Krisztina Fekecs esperienza Ferrari